Calendario

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

E' TEMPO DI TOR!

Il messaggio mi arriva a metá luglio alle 22.30 dall'amico Alberto: "C'è un pettorale per il Tor des Geants se vuoi". "No scusa Albi non ho capito, in che senso? "Eh nel senso che se vuoi puoi partecipare, il pettorale c'è!" 

Sono in hotel a Selva, la mia ragazza dorme accanto a me, ma, di colpo, mi passa il sonno. Il pensiero e' fisso: Io? Al Tor? Al Tor des Geants? Al giro dei giganti? All'endurance trail più duro al mondo di 330 km e 24.000 metri di dislivello positivo ed altrettanti 24.000 negativo? 
La notte passa rapida ma io ho già deciso: lo faccio. Può essere l'anno buono.
Ho chiuso bene due ultra quest'anno (Transgrancanaria da 125 km e 8000d+ e Lavaredo Ultra Trail 120 km e 5800d+) e quando mi ricapita un'occasione del genere? Ok accetto ci sono.
Un mese e mezzo passa rapidamente ed eccomi qui: tra 10 giorni sarò a Courmayeur per partecipare al "viaggio dei viaggi", viaggio fatto apposta x "gente matta": ma di un genere particolare.
E' fatto per i soli amanti della montagna (quella vera, dura e selvaggia che, anche di notte, arriva a 3000 metri slm), delle lunghe distanze, della fatica e della privazione e che amano sfidare e superare i propri limiti, senza accontentarsi mai. Per quelli in continua lotta con se stessi che amano le sfide e lo sport. Per sport intendo quello vero, genuino, quello che non é fatto per premi o x soldi ma per sentirsi vivo dentro, per dirsi "si, io ci sono, io sono vivo!".
É fatto per i sognatori che, attraversando montagne di giorno, di notte, all'alba ed al tramonto per qualche giorno "staccano" con il mondo conosciuto e confortevole per tornare a vivere in simbiosi con l'alta montagna: quella immobile da millenni che va rispettata ed ammirata, soli con se stessi. Liberi da tutto e da tutti, liberi di essere finalmente se stessi.
Sinceramente non so come andrà: circa 65 km con più 5000 metri di dislivello al giorno per 6 giorni non so bene come gestirli, 4/5 notti in giro "nel matto" non so come saranno: non ho studiato in maniera approfondita il percorso nè fatto tabelle, proiezioni o sopralluoghi. Tutto, come sempre nelle ultra vissute da persona normale, viene da se: mi metto nelle mani di me stesso e della mia esperienza della montagna e della corsa, nella speranza di portare a termine l'impresa cercando di assorbire ed assaporare il più possibile questa esperienza, e di farne tesoro. 
Manca poco ragazzi, il viaggio sta per cominciare! ......Insomma....e' tempo di Tor! 
Daniele Carminati 
 
PS: In questo viaggio, noi dei Runners Bergamo cercheremo di seguirlo il più possibile. Come? Aggiornando i suoi spostamenti, mettendo dei post sulla nostra pagina facebook. E, quando possibile, alcune foto di Daniele. Che dire? Buon viaggio... E divertiti!

Su questo articolo sono abilitati i commenti per i soli utenti registrati.
Autenticati in alto a destra con nome utente e password riservati ai Runners Bergamo.

Cerca

Area riservata

Questo sito utilizza cookies per rendere l'esperienza utente migliore. Se desideri continuare ad utilizzarli premi "Accetta".