Calendario

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

ASPETTANDO IL GTO: DAL COCA AL CURO’

Bei posti, bella gente, bella la natura, i monti, la neve, mio figlio che correva con me e più di me… oggi mi sono sentito più giovane e se io sono qua con Erik e gli ho trasmesso questa immensa passione lo devo a mio padre che nel suo poco tempo libero mi portava al Coca, al Curò o söl Linsù e l’ha trasmessa a me… e nella mia famiglia si parlava (e si parla) bergamasco!

Po’ incö an sé indàcc söi mucc, da Albundiù an sé pasàcc sö al Còca, dal senter piö impè dèla zona, per pasà fò al laghèt piö bèl di Orobie: ol Làc de Coca coi tri trimela che i sa spècia in de so aqua nèta e stenca. Ol Piz Coca de öna banda coi so 3050 metèr l’è ol Re di Orobie (la Presolana l’è la Regina) e ol Redorta e ol Scais de l’otra banda töcc dù de 3038 metèr: che stranèsa... I stambèc ed i camos iè dientàc umanì, i scàpa gnè piö e l’è ü botep èdèi a saltà da öna piöda a l’otra! L’è ü pòst dèl bù special e starès che töt ol de bötat zo a scoltà i us di mùcc coi neole che i cor piö de svèlta de tòcc: fracass de sass, animai che i sa ciàma, aqua che la scor… E’gni che in semana, con nisù in giro, bötis zo e imparì a scoltà!!! La nif lè amò tanta ma chèl ches vèt alè delbù ü spetacol de la natüra. Ma an sé che a cor e an sé pasacc söl Pass del Corèn, doe öna agla la sgula ölta in dol ciel, per po’ pasà zo a manèta al lac artificial de Al Morta  da ndoe la salta la Cascada dèl Barbelì, la segonda cascada piö olta de töta l’Europa: 315 metèr in tri sàlc. Prima che i fès sö la diga (in dèl 31), se al piüia fort, a la faà ü salt sul fina ‘nfonta!  In dèl torènt che al ve fò lla nif dèla Al Morta an salta det a fa ü bèl bàgn: l’è frègia stenca ma la sodisfasiù lè po’ piö granda! Ü salt al Curò, ol rifugio dedicat a ü di fondadur del Cai de Bèrghem in dèl 1878, pò zo fina in pais dal senter che töcc i conòs! An sera in tance pò sta olta, a cor di olte ta pèrdèt ergot  perché ta ghet mia tep de ardà, ma l’è ase respirà l’aria fina che tà sentèt i mucc det de te.

Anche oggi siamo andati sui monti, da Valbondione al Rifugio Coca, transitando da uno dei sentieri più ripidi della zona, per poi visitare il laghetto più bello delle Orobie: il Lago di Coca con i tre tremila che vi si specchiano nell’acqua gelida e limpida. Da una parte il pizzo Coca che con i 3.050 mt è il Re delle Orobie (notoriamente la Presolana viene chiamata “la Regina”) e dall’altro lato il Redorta e lo Scais con gli identici 3038 mt: che stranezza... Gli stambecchi ed i camosci ormai sono diventati umani, quasi non fuggono ed è uno spettacolo vederli saltare da una cengia all’altra. Questo è un posto speciale dove resterei tutto il giorno sdraiato ad ascoltare le voci della montagna e guardare le nuvole che corrono veloci: frastuono di sassi, animali che si parlano, acqua che scorre… veniteci in settimana, con nessun turista, sdraiatevi ed imparate ad ascoltare!!! C’è ancora tanta neve ma quel che si può vedere è veramente uno spettacolo della natura! Ma siam qui a correre e, passati dal Passo del Corno, dove un aquila vola alta nel cielo, si scende a manetta al lago artificiale della Val Morta da dove “salta” la famosa cascata del Barbellino, la seconda cascata d’Europa a salto multiplo: 315 mt in tre salti. Prima che costruissero la diga (1931), se pioveva forte, il salto era unico fino in fondo alla valle! E nel torrente che sbuca dal ghiaccio ancora accumulato nella Val Morta alcuni decidono di buttarsi: è fredda gelata ma la soddisfazione è immensa! Una tappa al Curò, rifugio dedicato ad uno dei fondatori del Cai bergamasco nel 1878, e giù fino in paese da uno dei sentieri più frequentati! Eravamo in tanti anche questa volta, a correre perdi qualcosa perché non hai tempo di guardarti intorno, ma basta respirare l’aria sottile e senti la montagna dentro di te.

Foto Ghisalberti Fabio

Ps: non è semplice scrivere in lingua bergamasca e potrei aver commesso errori dei quali mi scuso, ma oggi mi andava cosi… magari un giorno scriverò in lingua Rapa Nui visto che mi sono innamorato pure di quell’isola e dei suoi abitanti: per ora accontentatevi di Iorana= Salüde

Su questo articolo sono abilitati i commenti per i soli utenti registrati.
Autenticati in alto a destra con nome utente e password riservati ai Runners Bergamo.

Cerca

Area riservata

Questo sito utilizza cookies per rendere l'esperienza utente migliore. Se desideri continuare ad utilizzarli premi "Accetta".